Donec efficitur, ligula ut lacinia
viverra, lorem lacus.

Cosa vedere in Andalusia

Cosa vedere in Andalusia? Le mie 11 destinazioni scelte per te

L’Andalusia è la Spagna dell’immaginazione, una terra da sogno baciata dal sole dove si scontrano passione, poesia e dramma. Matador senza paura, festival favolosi e flamenco simboleggiano questa regione emblematica.

Sussurrando l’eredità di un’epoca passata, i castelli moreschi in rovina e i vecchi quartieri ebraici hanno una sottile seduzione. Le antiche moschee e sinagoghe furono sostituite con chiese cristiane dopo la Riconquista, ma rimane il romanticismo del passato.

I visitatori possono sentire l’eredità del passato mentre camminano per le tortuose strade acciottolate medievali, ammirando l’architettura islamica e ascoltando le note malinconiche dell’anima gitana nello strimpellare della chitarra spagnola. Una passeggiata attraverso quasi tutte le città storiche dell’Andalusia porta a deliziose scoperte di piazze ornate di fontane e case imbiancate con patii fioriti.

L’Andalusia è anche un luogo di contrasti: montagne innevate, verdi vallate fluviali e gole selvagge. Il meraviglioso scenario offre panorami mozzafiato per panorami incredibili. Dalla gloriosa cattedrale di Siviglia al magnifico palazzo dell’Alhambra di Granada e alla Grande Moschea di Córdoba, l’Andalusia ha alcuni dei monumenti più emozionanti del mondo.

Scopri le attrazioni turistiche di questa incantevole regione del sud della Spagna con la mia lista delle principali attrazioni dell’Andalusia.

Siviglia: una città andalusa per eccellenza

Romantica, abbagliante e sensuale, Siviglia ha un carattere andaluso per eccellenza. Questa affascinante città è uno dei posti migliori da visitare nella regione per sperimentare la cultura tradizionale, comprese le vivaci feste religiose e la famosa danza flamenca.

Siviglia è anche una città dove i turisti possono avere un’idea delle gioie della vita quotidiana in Andalusia, semplicemente girovagando per le pittoresche strade, rilassandosi nelle piazze soleggiate e facendo un ” paseo ” (passeggiata) insieme alla gente del posto. Di notte, il centro storico è illuminato da lampioni vecchio stile, che gli conferiscono un’atmosfera speciale.

Il monumento più importante è la Cattedrale di Siviglia, che è stata convertita dalla Grande Moschea ed è la più grande chiesa gotica della cristianità. Un’altra reliquia architettonica moresca è l’ Alcazar, con il suo abbagliante arredamento mudéjar e i lussureggianti giardini.

Il medievale Barrio Santa Cruz , un tempo quartiere ebraico, è un quartiere affascinante con vicoli tortuosi e cortili pittoreschi.

In un pomeriggio piacevole o in una serata mite, Plaza de España nel Parque de María Luisa è un posto meraviglioso per fare una passeggiata o godersi un piacevole giro in barca attraverso il canale.

Il Palazzo dell’Alhambra a Granada

Quando i Mori arrivarono dai deserti del Nord Africa (l’attuale Marocco e Algeria) nel XIII secolo, rimasero sbalorditi dal lussureggiante paesaggio di Granada.

Ai piedi delle montagne della Sierra Nevada, l’abbondante acqua del Río Darro assicurava una ricca vegetazione e agricoltura. I Mori costruirono qui la straordinaria cittadella in cima alla collina e fontane traboccanti furono collocate in tutto il parco come simbolo di ricchezza.

Un capolavoro del design islamico, l’ Alhambra comprende diversi splendidi palazzi, splendidi paesaggi, roseti profumati e sontuose fontane decorative. A causa della sua squisita architettura e del suo valore culturale, l’Alhambra è stata designata come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Granada continuò a prosperare come città moresca fino al XV secolo. Quando i Re Cattolici arrivarono per riconquistare la città nel 1491, Granada era l’unica roccaforte rimasta del dominio moresco in Andalusia.

Palazzo dell’Alhambra

L’ultimo re moresco, Muhammad XII (noto come Boabdil), capitolò dando al Re Ferdinando e alla regina Isabella le chiavi del “paradiso” (descrizione dell’Alhambra di Boabdil) dopo che la Riconquista cristiana fu completata nel 1492. Secondo la leggenda, Boabdil pianse quando diede un’ultima occhiata all’Alhambra durante il suo viaggio di partenza dalla Spagna.

Insieme all’Alhambra, il distretto di Albayzín condivide la classificazione del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questa città islamica medievale ha mantenuto il suo carattere moresco, visto nel labirinto di strade pedonali strette e tortuose e gruppi di pittoresche case imbiancate a calce.

Ulteriori prove del patrimonio arabo della città, si trova al Alcaicería (in Calle Alcaicería), un mercato all’aperto che è una reliquia del vecchio bazar moresco, e il lussuoso Hammam Al-Á ndalus, tradizionali bagni arabi che coccolare i turisti moderni con trattamenti termali.

La Grande Moschea di Córdoba

La Grande Moschea di Córdoba patrimonio UNESCO

Nel X secolo, Córdoba era la capitale del califfato moresco Al-Andalus, un regno che governava gran parte della penisola iberica.

Mentre Parigi e Roma erano nel Medioevo, Cordova era la città più importante d’Europa, un centro di civiltà dove i grandi studiosi Maimonide (filosofo ebreo) e Averroè (filosofo musulmano) condividevano le loro idee, e un luogo dove le genti di tre religioni, cristianesimo, islam ed ebraismo, vivevano in armonia.

In cima alle attrazioni imperdibili di Córdoba c’è la Grande Moschea, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, circondata da diversi quartieri residenziali storici. Il santuario mozzafiato esemplifica l’architettura musulmana con le sue file ripetute di archi e colonne, i mosaici in stile bizantino e il mihrab dorato (nicchia di preghiera). Questo monumento dell’VIII secolo è uno degli edifici islamici più magnifici mai costruiti.

La Judería (il vecchio quartiere ebraico) è un quartiere particolarmente suggestivo di strette strade pedonali, piazze tranquille e affascinanti case bianche. Le case di questo quartiere sono famose per i loro patii decorativi, adornati con vasi di fiori colorati.

Nel mese di maggio, la città di Córdoba celebra la Fiesta de los Patios, un festival molto atteso con un concorso per il patio più bello.

Il fascino dell’Andalusia a Ronda

In un ambiente da brivido, Ronda affascina i visitatori con viste spettacolari e paesaggi selvaggi. Costruito sopra un ripido burrone (El Tajo) attraversato dal Puente Nuevo (Ponte Nuovo), questo spettacolare Pueblo Blanco presenta case imbiancate a calce aggrappate al bordo di una scogliera.

Orgogliosa della sua tradizionale cultura andalusa, Ronda ha la seconda arena più antica della Spagna. La Plaza de Toros è ancora utilizzata una volta all’anno per la corrida goyesca (durante la Feria de Pedro Romero, una festa che si svolge la prima settimana di settembre). Il festival include anche una sfilata di donne che indossano costumi sgargianti della fine del XVIII secolo, l’era di Francisco de la Goya.

Ronda ha una bellezza speciale e un fascino romantico. I turisti si divertiranno ad esplorare le suggestive strade di La Ciudad, l’antica città moresca di Ronda, che ha molti palazzi storici.

Nelle giornate di sole, i parchi di Ronda sono il luogo ideale per passeggiare tra i viali alberati e rilassarsi all’ombra. I parchi Alameda del Tajo e Alameda de José Antonio offrono entrambi suggestivi panorami del paesaggio.

Un altro angolo del patrimonio di Ronda, il Museo del Bandolero (Museo dei banditi) illustra la storia di quegli audaci e famigerati antieroi della regione.

Marbella

Lungo la Costa del Sol, l’affascinante località turistica di Marbella è apprezzata per i suoi splendidi paesaggi sul mare, le passeggiate fiancheggiate da palme e le spiagge sabbiose lungo un litorale di 27 chilometri. Essendo una città di vacanza di lusso, Marbella ha molti campi da golf e club privati ​​che si rivolgono a una clientela esigente.

Per una cena esclusiva, i turisti possono recarsi al Puerto Banús , uno splendido porto turistico dove sono attraccati molti yacht di lusso. L’area del porto ha anche molti ristoranti alla moda e boutique di stilisti.

Per i pasti sulla spiaggia, la Playa de Alicante offre ottime scelte. La spiaggia più vicina al centro di Marbella è Playa La Fontanilla, a pochi passi dal centro storico.

Più che una semplice destinazione balneare, Marbella ha interessanti attrazioni culturali. Il centro storico perfettamente curato ( Casco Antiguo ) è un incantevole villaggio moresco con case imbiancate a calce adorne di fiori e affascinanti stradine acciottolate.

Nascoste tra le strade pedonali e i vicoli ci sono squisite chiesette e tranquilli cortili con caffè all’aperto. Nel cuore della Città Vecchia, la Plaza de los Naranjos è una graziosa piazza ombreggiata da alberi di arancio e piena di terrazze di ristoranti.

Tradizioni andaluse a Jerez de la Frontera

Jerez de la Frontera (35 chilometri da Cadice) è una raffinata città aristocratica famosa per i suoi cavalli di razza andalusa e i tradizionali spettacoli equestri.

In un elegante edificio sull’Avenida de Duque de Abrantes, la Fundación Real Escuela Andaluza del Arte Ecuestre (Fondazione Reale Scuola Andalusa di Arte Equestre) mette in scena il popolare spettacolo intitolato Cómo Bailan los Caballos Andaluces (Come ballano i cavalli andalusi), un balletto equestre nello stile andaluso del XVIII secolo.

La Feria del Caballo ( Fiera del Cavallo di Jerez), che si tiene ogni anno a maggio presso il Parque González Hontoria, mette in mostra i prestigiosi cavalli con pedigree della città. I visitatori apprezzeranno gli stand gastronomici, le gare di ballo e le attività per bambini di questo vivace evento.

Jerez de la Frontera è anche nota per la tradizionale arte andalusa del flamenco e per il cante jondo (canto profondo), uno stile drammatico ed evocativo del canto zingaro. Il Centro Andaluz de Documentación del Flamenco educa i visitatori sulle varie forme di canto, chitarra e danza flamenca, attraverso video, documenti e descrizioni di personaggi storici.

L’annuale Festival de Jerez mette in scena spettacoli di flamenco tradizionali e d’avanguardia di un calibro eccezionale al Teatro Villamarta e in altri luoghi.

L’antica città portuale di Malaga

Malaga è un’antica città portuale del Mediterraneo e le fortezze lo dimostrano. In piedi su una collina che domina la baia, l’antica Alcazaba e i castelli del Castillo de Gibralfaro vegliano sull’azione del porto e offrono splendide viste sulla costa.

Tra le infinite distese di località balneari della Costa del Sol, Malaga è un’eccezione perché è una “vera città” dove si respira chiaramente la quotidianità della sua popolazione. Sebbene questa piacevole cittadina di mare abbia una favolosa spiaggia sabbiosa, la Playa de la Malagueta, visitare la città piuttosto che prendere il sole è l’attrazione principale quando si arriva a Malaga.

Con molti siti culturali e monumenti storici da esplorare, i viaggiatori possono facilmente tenersi occupati qui per alcuni giorni. La lunga lista di attrazioni turistiche di Malaga comprende antiche rovine, la Catedral Nuestra Señora de la Encarnación del XVI secolo, splendidi giardini e un fantastico Museo Picasso, oltre a dozzine di altri eccellenti musei.

Il centro storico medievale di Malaga è particolarmente delizioso. Durante l’esplorazione di questo labirinto di stradine pedonali, i visitatori troveranno invitanti piccole boutique e piazze nascoste piene di caffè all’aperto e terrazze per mangiare all’aperto.

Un altro luogo turistico preferito è il porto, che è un luogo ideale per una piacevole passeggiata o per cenare in uno dei ristoranti sul mare.

Architettura rinascimentale a Úbeda

Architettura rinascimentale a Ubeda

Tra pittoresche piantagioni di ulivi, questa storica città di Úbeda, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è rinomata per la sua architettura rinascimentale. La caratteristica centrale del Casco Antiguo (Città Vecchia) è la Plaza de Vázquez de Molina, solo pedonale, abbellita dalla Sacra Capilla del Salvador del Mundo del XVI secolo.

Con la sua facciata plateresca riccamente scolpita e l’interno a cupola in stile rinascimentale italiano, la Sacra Capilla del Salvador del Mundo si distingue come uno dei punti di riferimento più emblematici di Úbeda. La cappella contiene opere d’arte degne di nota tra cui la pala d’altare della Trasfigurazione di Cristo di Alonso Berruguete. I turisti possono visitare la cappella, aperta tutti i giorni tutto l’anno; l’ingresso è a pagamento.

Ottime sistemazioni si trovano in Plaza de Vázquez de Molina presso il Parador de Úbeda a quattro stelle , che occupa un palazzo rinascimentale del XVI secolo con un tipico cortile andaluso e decorazioni tradizionali. Il Parador de Úbeda dispone di un raffinato ristorante che serve piatti della cucina regionale.

Vicino a Úbeda si trovano Baeza (a circa 10 chilometri), un’altra città dichiarata dall’UNESCO con meravigliosi edifici rinascimentali, e Cazorla (a circa 45 chilometri da Úbeda), dominata da un antico castello.

Cazorla è la città principale della catena montuosa della Sierra de Cazorla ed è una buona base per escursioni o scalate nel Parque Natural Sierra de Cazorla, nella riserva naturale di Segura y Las Villas , un incantevole paesaggio di fiumi, cascate, foreste e canyon.

Monumenti storici e fascino del vecchio mondo a Baeza

Monumenti storici e fascino del vecchio mondo a Baeza

Designato come patrimonio mondiale dell’UNESCO insieme a Úbeda (a 10 chilometri di distanza), Baeza vanta un’antica eredità romanamoresca e cristiana. Dolci colline, uliveti e campi di grano circondano la città, che ha conservato un’atmosfera d’altri tempi nelle sue strade acciottolate e nelle eleganti piazze.

Nel XVI secolo Baeza divenne un importante centro commerciale e città universitaria. Il ricco passato della città è visibile nelle belle case antiche e nei palazzi nobiliari, così come nella sua cattedrale rinascimentale, la Catedral de Baeza in Plaza de Santa María, costruita nel XVI secolo sul sito di una moschea demolita.

L’ampio Paseo de la Constitución nel centro di Baeza è fiancheggiato da imponenti palazzi del XVII secolo. La Plaza de los Leones all’estremità occidentale del Paseo de la Constitución prende il nome dalla fontana al centro della piazza che incorpora quattro figure di leoni provenienti dal sito romano di Castulo.

I Pueblos Blancos

Villaggio Olvera nei Pueblos Blancos

Pueblos Blancos sono incantevoli destinazioni turistiche fuori dai sentieri battuti a Las Alpujarras, le dolci colline della Sierra Nevada e nelle catene montuose della Sierra de Grazalema.

L’unico modo per raggiungere questi remoti villaggi collinari è guidare, ma vale la pena fare una deviazione o anche un itinerario di più giorni attraverso la zona più sconosciuta e incontaminata dell’Andalusia.

Ricchi di antiche atmosfere moresche, i Pueblos Blancos sono caratterizzati dalle loro semplici case imbiancate a calce. Lo stile architettonico è influenzato dall’estetica berbera dei Mori originari del Nord Africa.

Ad aumentare il fascino ci sono i vivaci fiori in vaso, le strette stradine acciottolate e le deliziose chiese. La maggior parte dei villaggi sono raggruppati su pendii con meravigliose viste sulle montagne innevate e sulle valli verdeggianti.

La porta d’accesso ai Pueblos Blancos è Arcos de la Frontera, con i suoi edifici bianchi e luminosi disposti a semicerchio in cima a una scogliera. Ronda è il più “teatrale” dei villaggi imbiancati dell’Andalusia, famoso per la corrida e per i paesaggi maestosi.

Uno dei borghi più belli è Grazalema, paese di alta montagna adagiato in una vallata e circondato da uno spettacolare parco naturale.

Jaen

Jaen

Jaén gode di un ambiente naturale idilliaco ai piedi delle montagne della Sierra de Jabalcuz e della Sierra de la Pandera, dove le dolci colline sono ricoperte da ampi uliveti.

Immersa nella storia, Jaén è nata come città cartaginese fortificata e durante l’epoca romana era una zona di estrazione dell’argento. In epoca moresca, Jaén fu capitale del regno islamico di Jayyan, riconquistato dagli eserciti cristiani nel 1492.

Le attrazioni da non perdere sono la Santa Iglesia Catedral de la Asunción de la Virgen, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, una notevole cattedrale rinascimentale e l’edificio ristrutturato dei bagni arabi che ora ospita il Museo Internazionale di Arte Naif Manuel Moral.

Il sito più importante di Jaén è il maestoso Castillo de Santa Catalina del XIII secolo, arroccato su una collina rocciosa. Questa antica roccaforte moresca fu conquistata nel 1246 dal re Ferdinando III.

Articolo correlatoCosa vedere a Còrdoba.

Sonia Seco
Sonia Seco
Articoli: 69

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.