15 luoghi imperdibili da vedere a Siviglia

Siviglia lancia un incantesimo di incanto sui visitatori dal momento in cui mettono piede sui pittoreschi vicoli acciottolati. Edifici eleganti, lampioni vecchio stile e carrozze trainate da cavalli creano un’atmosfera magica e i panorami sono meravigliosi come i famosi spettacoli di flamenco e i festival sgargianti.

La cattedrale di Siviglia è la più grande chiesa gotica della cristianità con una maestosa torre che un tempo era il minareto di una grande moschea. Un’altra reliquia del passato moresco, l’Alcázar abbaglia con il suo sontuoso arredamento mudéjar e i lussureggianti giardini.

Il fascino di questa città andalusa per antonomasia si trova nei tranquilli cortili e nei vicoli tortuosi del medievale Barrio Santa Cruz, così come negli splendidi spazi aperti del Parque de María Luisa e di Plaza de España, la piazza più graziosa di Siviglia.

Cattedrale di Siviglia

Cattedrale di Siviglia

La Catedral de Sevilla è la più grande cattedrale gotica della cristianità, impareggiabile per le sue dimensioni impressionanti e l’abbondanza di tesori d’arte. Elencato come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO , questo glorioso luogo di culto fu costruito tra il 1402 e il 1506 sul sito della moschea principale della città.

Il campanile della cattedrale, La Giralda, era in origine il minareto della moschea costruita nel XII secolo dai sovrani moreschi almohadi. Questa torre della cattedrale alta 93 metri è ancora l’emblema di Siviglia.

Entrando nella cattedrale, i visitatori sono sorpresi dalle immense proporzioni della navata. L’interno a cinque navate si estende per 117 metri di lunghezza e 76 metri di larghezza e raggiunge i 40 metri di altezza. Questo spazio travolgente è l’interno gotico più grandioso della Spagna.

La Capilla Mayor (Cappella Principale) presenta uno splendido retablo , considerato un capolavoro dell’intaglio del legno gotico. Al centro è un’immagine d’argento della Virgen de la Sede circondata da 45 scene della Vita di Cristo e della Vita della Vergine. Nel transetto sud si erge un suggestivo monumento a Cristoforo Colombo, adatto alla sua statura storica.

Dietro la Capilla Mayor c’è la Capilla Real (Cappella Reale). Costruita tra il 1551 e il 1575, questa cappella rinascimentale a cupola contiene le tombe reali.

La Sacristía Mayor è una magnifica camera del XVI secolo, che contiene un grande candelabro e un crocifisso di Pieter de Kempeneer. All’interno della Sacristía Mayor, il Tesoro espone la preziosa corona ornata di gemme della Virgen de los Reyes .

Un’altra caratteristica degna di nota è il Patio de los Naranjos (Patio degli aranci), che era il piazzale della moschea. La fontana ottagonale al centro è un residuo della fontana utilizzata dai fedeli per le abluzioni religiose in epoca moresca.

Sul lato est del Patio de los Naranjos si trova la Biblioteca Colombina . Il figlio di Cristoforo Colombo, Hernando Colón, mise insieme la collezione per questa biblioteca tra il 1496 e il 1539, ed è una delle più importanti raccolte di volumi di epoca rinascimentale in Spagna, con un’attenzione particolare agli scritti umanistici dell’età dell’oro.

Real Alcázar

Real Alcázar

Elencato come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO, il Real Alcázar era originariamente la fortezza medievale dei sovrani moreschi e successivamente dei re cristiani. Il palazzo fu costruito nel X secolo per i sovrani moreschi. Nell’XI secolo fu governata dal leggendario sovrano e poeta moresco al-Mutamid. Dopo la riconquista cristiana nel 1360, gli architetti moreschi crearono gli edifici in stile mudéjar per il re Pedro il Crudele.

I visitatori entrano nel palazzo attraverso la Puerta Principal , che conduce al Patio de las Doncellas. Questo elegante cortile fu costruito tra il 1369 e il 1379 ed esemplifica l’architettura islamica, con magnifici archi caratterizzati da arabeschi aperti sopra 52 colonne di marmo.

La più antica delle sale, la Sala de los Embajadores (Sala degli Ambasciatori) ha uno splendido soffitto a cupola stalattitica, con fregi decorativi e iscrizioni in caratteri arabi. Fuori dal Patio del Leon (Patio del Leone) si trova la Sala de Audiencias , una delle stanze più riccamente decorate del palazzo, con un sontuoso soffitto in artesonado (legno finemente intagliato).

Da non perdere anche i giardini ben curati. I giardini sono piantati con palme frondose, aranci dolci e rose colorate. In tradizionale stile andaluso, cortili, piscine decorative e fontane rinfrescanti sono i fulcri del paesaggio.

Di fronte all’Alcazar si trova la Casa Lonja , che ospita l’ Archivo de Indias , patrimonio dell’UNESCO , un archivio di documenti degli anni coloniali spagnoli nel Nuovo Mondo.

Parque de María Luisa e Plaza de España

Parque de María Luisa e Plaza de España

All’interno del Parque de María Luisa, Plaza de España è uno dei monumenti più impressionanti di Siviglia per la sua grandezza e grandezza. L’enorme piazza di 50.000 metri quadrati è circondata dai balconi balaustrati di un edificio rinascimentale in stile neomoresco, che si curva seguendo la forma del canale che attraversa la piazza.

Una fontana monumentale è un grazioso fulcro della piazza, mentre il tranquillo canale è attraversato da quattro passerelle. I turisti possono noleggiare una barca a remi per il pomeriggio per vivere la ” Venezia di Siviglia ” o optare per un altrettanto romantico giro in carrozza trainata da cavalli attraverso il parco.

Il Parque de María Luisa, con al centro la Plaza de España, fu sede delle Exposiciones Universales nel 1929. Questo ampio spazio verde fu creato per l’Infanta María Luisa Fernanda de Borbón, che lo donò alla città di Siviglia nel 1893 Il parco di 34 ettari fiorisce lungo il fiume, con un ambiente lussureggiante di palme esotiche, aranci, olmi e pini mediterranei.

Gli incantevoli edifici storici e le colorate panchine piastrellate si aggiungono all’atmosfera da sogno del parco, e il paesaggio presenta aiuole decorative, viali ombrosi, fontane moresche e piscine ornamentali.

Barrio Santa Cruz: il quartiere più affascinante di Siviglia

Barrio Santa Cruz il quartiere più affascinante di Siviglia

Ricco di fascino antico, il Barrio de Santa Cruz è uno dei luoghi più affascinanti da esplorare a Siviglia. Era la Judería (quartiere ebraico) durante l’era medievale sotto il dominio moresco, quando molte delle chiese del quartiere erano originariamente sinagoghe.

Questo quartiere medievale è caratterizzato da un labirinto di stradine pedonali acciottolate (troppo strette per le auto), case imbiancate a calce con attraenti patii e piazze pittoresche con caffè all’aperto.

Molti dei tranquilli cortili, come Plaza Doña Elvira, sono piantati con profumati aranci. La Plaza Santa Cruz presenta aiuole di rose e una croce in ferro battuto del XVII secolo al centro. In Plaza Refinadores i visitatori troveranno una statua di Don Juan Tenorio, famoso personaggio letterario locale.

Il Barrio Santa Cruz ha due musei degni di nota: il Centro de Interpretación Judería de Sevilla (Calle Ximenez Encisco 22A), che illustra la storia dei sefarditi (ebrei spagnoli) della città e l’ Hospital de los Venerables (8 Plaza Venerables), un edificio del XVII cinquecentesco ospedale per preti in pensione, che oggi ospita una collezione di dipinti e sculture spagnole.

Una delle cose speciali da fare a Siviglia è passeggiare per i Jardines de Murillo , splendidi giardini pieni di palme, fontane e panchine piastrellate colorate. Per una vista eccellente della cattedrale, dirigetevi verso Plaza del Patio de Banderas.

Il Barrio Santa Cruz si trova tra la cattedrale e l’ Alcazar di Siviglia.

Museo de Bellas Artes

Granada si trova nella regione meridionale dell’Andalusia della Spagna e si trova ai piedi delle montagne d

Siviglia ha un eccezionale Museo di Belle Arti, ospitato nel suggestivo Convento de la Merced del XVII secolo. Questo museo è considerato la migliore collezione di pittura in Spagna dopo il Prado di Madrid. La collezione comprende opere d’arte dal periodo gotico al XX secolo.

Particolarmente degna di nota è la rappresentazione di opere di pittori spagnoli del XVII secolo. I visitatori vedranno alcuni dei migliori dipinti di famosi artisti spagnoli tra cui El Greco, Pacheco, Velázquez e Alonso Cano.

Il museo ha un’attenzione particolare ai capolavori di Murillo e alle opere della scuola sivigliana del XVII secolo. Ottimi anche i dipinti religiosi di Zurbarán.

Iglesia Collegiale del Salvador

Iglesia Collegiale del Salvador

A pochi passi dalla cattedrale, la Iglesia Colegial del Salvador è una chiesa barocca di straordinaria bellezza. La costruzione iniziò alla fine del XVII secolo sul sito di Ibn Adabbas, la principale moschea di Siviglia, e da allora sono avvenute molte aggiunte.

Incandescente rosa nella luce del tardo pomeriggio, la facciata decorata è influenzata dallo stile manierista. Ugualmente splendido e sorprendentemente grandioso, lo stravagante interno dorato è un tesoro di dettagli barocchi sivigliani e opere d’arte impressionanti.

Due spettacolari pale d’altare adornano il santuario: Cristo Sacro dell’Amore di Juan de Mesa e Gesù della Passione di Juan Martínez Montañez. Altri punti salienti sono la cupola svettante, l’organo del XVIII secolo e la cappella sacramentale.

Come la cattedrale, anche questa bella chiesa comprende un cortile con alberi di arance. Il patio è un residuo dell’architettura moresca originale.

Suggerimento per i viaggiatori: qui puoi acquistare un biglietto combinato per l’Iglesia Colegial del Salvador e la Catedral de Sevilla , che ti consente di saltare le tipiche lunghe code alla cattedrale.

Santa Semana (Festival della Settimana Santa)

Santa Semana (Festival della Settimana Santa)

La celebrazione della Semana Santa a Siviglia è una delle feste più emozionanti della Spagna. Seguendo tradizioni secolari, le confraternite cattoliche (cofradías e hermandades) provenienti da diversi quartieri della città partecipano a elaborate processioni. Rivestiti in abiti da penitenti, trasportano carri imponenti, che mostrano figure di santi riccamente decorate.

La processione principale è la vigilia del Venerdì Santo e la mattina del Venerdì Santo, e particolarmente splendide sono le cerimonie che si svolgono nella cattedrale durante la Settimana Santa.

Durante il resto dell’anno, i visitatori possono ancora vedere la famosa icona della processione della Settimana Santa presso la Basilica de la Macarena (Calle Macarena). Questa chiesa possiede la figura della Virgen de la Macarena, che viene esposta su un sontuoso carro durante la Settimana Santa. Con un’espressione tenera e le lacrime che le scendono lungo le guance, questa figura della Vergine evoca una risposta emotiva.

Museo del Baile Flamenco (Museo del ballo flamenco)

Museo del Baile Flamenco (Museo del ballo flamenco)

Siviglia è famosa per il suo flamenco, una forma d’arte sgargiante con radici nella cultura zingara. Il flamenco include sia la danza che il canto, ma soprattutto è un’espressione dell’anima. I migliori ballerini di flamenco hanno abilità tecnica, oltre a un dono speciale di incanalare le emozioni.

Il Museo del Baile Flamenco celebra la bellezza del flamenco con mostre su tutti gli aspetti dell’arte: danza, canto e chitarra. Questo innovativo museo presenta costumi di flamenco, display video creativi e altre mostre educative.

Il museo ha anche una scuola di flamenco e ospita spettacoli di flamenco professionali tutti i giorni dalle 19:00 alle 20:00 tutto l’anno.

Un altro posto dove vedere l’autentica danza flamenca è a El Palacio Andaluz , un tradizionale teatro in stile tablao (piccolo locale) vicino alla Basilica de la Macarena. Questo teatro del XIX secolo offre spettacoli intimi.

Quasi tutte le sere si tengono spettacoli di flamenco anche a La Carbonería in Calle Céspedes. È un luogo popolare per la vita notturna, quindi arriva presto per trovare un posto.

Real Maestranza de Caballería de Sevilla

Real Maestranza de Caballería de Sevilla

La Real Maestranza de Caballería de Sevilla (Arena Reale di Siviglia) è una delle arene più belle della Spagna e, con una capienza di circa 12.500 spettatori, è anche una delle più grandi.

Costruito nel 1761, è un punto di riferimento emblematico di Siviglia e della sua famosa tradizione della corrida. Il design è decisamente barocco, con un anello di forma ovale che lo rende unico tra le arene spagnole, e le sue graziose sedute ad arcate offrono ombra gradita nelle giornate di sole.

Ospitato all’interno dell’arena è un museo con una collezione di costumi tradizionali matador, oltre a fotografie e dipinti legati all’arte drammatica della corrida. Da vedere anche la Cappella dei Toreri, dove i matador pregano prima di un combattimento.

Barrio de Triana

Barrio de Triana

Questo quartiere storico di Siviglia ha un carattere e un’identità distinti. Dall’altra parte del fiume rispetto alle principali attrazioni turistiche di Siviglia, il quartiere ha l’atmosfera di essere un mondo a parte. Simile al Barrio Santa Cruz, il Barrio de Triana è un labirinto di stradine acciottolate e vicoli che conducono a piazze suggestive.

Ciò che distingue il Barrio de Triana è il suo patrimonio come quartiere tradizionale dei vasai, così come la sua comunità zingara. Per secoli, la gente di questo quartiere ha usato l’argilla delle rive del fiume Guadalquivir per creare autentiche ceramiche andaluse.

I laboratori di ceramica del Barrio de Triana, situati principalmente in Calle Callao , Calle Antillano Campos e Calle Alfareria , sono particolarmente rinomati per i loro raffinati azulejos , piastrelle di ceramica smaltata adornate con motivi geometrici colorati, un retaggio dell’estetica moresca dell’Andalusia.

Le boutique di questo quartiere vendono anche bellissimi piatti decorativi in ​​ceramica, tazze, brocche, pezzi da portata e altri oggetti per la casa. Dopo aver curiosato tra i negozietti, i turisti saranno pronti per un pasto in uno dei ristoranti sul lungofiume del quartiere; molti hanno terrazze all’aperto con vista sui monumenti di Siviglia.

Una curiosità interessante sul Barrio de Triana: da questo quartiere vicino al ponte di San Telmo , Magellano partì per il suo viaggio intorno al mondo.

Casa de Pilatos

Casa de Pilatos

La Casa de Pilatos (Palazzo dei Governatori dell’Andalusia) è un monumento nazionale designato . Questa squisita residenza privata era la dimora dell’aristocratica famiglia Enríquez de Ribera, compresi i duchi di Alcalá.

Costruita nel XV e XVI secolo, si ritiene che la Casa de Pilatos sia una replica della casa di Pilato a Gerusalemme. La casa presenta una variazione dello stile mudéjar, con dettagli gotici e rinascimentali. Tipico dell’architettura andalusa, l’edificio ha un patio centrale adornato con azulejos (piastrelle di ceramica colorate) e sculture antiche.

Il Salón Dorado (Sala d’Oro) è una bella sala con decorazioni in maiolica e un soffitto artesonado (legno a cassettoni). Notevoli anche lo scalone principale e la cappella privata. Una collezione di antiche sculture romane è esposta in tutta la casa.

Museo Archeologico di Siviglia

Situato all’interno del Parque de María Luisa, il Museo Archeologico di Siviglia occupa un padiglione neorinascimentale costruito per l’Expo latinoamericana del 1929. La collezione inizia con il primo periodo paleolitico; continua con le antichità fenicie, greche e romane; e termina con elementi moreschi e mudéjar del Medioevo.

Il piano terra espone reperti scoperti nel sito archeologico di Itálica (a nove chilometri di distanza) nella provincia di Siviglia. Tra i punti salienti ci sono i gioielli in oro e una statua di Diana.

Altro pezzo degno di nota è il Tesoro del Carambolo di epoca tartessiana, esposto in una propria sala al primo piano. Questa sala contiene una riproduzione del tesoro d’oro e un santuario dedicato alle divinità fenicie.

Ayuntamiento (Municipio)

Questo imponente municipio del XV secolo è stato progettato in stile plateresco da Diego de Riaño. I rilievi finemente intagliati sulla facciata meridionale raffigurano figure di storie storiche e mitologia, nonché emblemi dei leggendari fondatori della città, Ercole e Cesare.

L’edificio è stato ristrutturato nel XIX secolo con una facciata principale neoclassica che si affaccia su Plaza Nueva. Un piccolo arco collega l’edificio del municipio all’adiacente convento francescano.

I turisti possono prenotare su appuntamento (necessaria la prenotazione) per visitare l’interno, che contiene diverse importanti opere artistiche tra cui un dipinto dei santi patroni della città, Justa e Rufina.

Palacio de la Condesa de Lebrija

Palacio de la Condesa de Lebrija

Il Palacio Lebrija è una graziosa dimora aristocratica sivigliana del XVI secolo. Il palazzo è stato progettato per stupire, con i suoi splendidi pavimenti a mosaico, la grande scalinata che porta al secondo piano e gli splendidi soffitti in artesonado . Le pareti sono decorate con ornamenti platereschi in stile arabo e il cortile è pieno di piante andaluse.

Il palazzo espone una collezione di tesori archeologici, tra cui mosaici, vetri, vasi e sculture dell’antica Grecia. Altri punti salienti includono i dipinti di Joaquín Sorolla, il famoso pittore spagnolo del XIX secolo (il “Maestro della luce”) noto per le sue vivaci scene screziate di sole.

I visitatori dovrebbero notare che il Palacio Lebrija ha orari di apertura limitati (la mattina di venerdì, sabato e domenica). L’ingresso è gratuito il venerdì.

Monastero di Santa Paula

Monastero di Santa Paula

Il Monasterio de Santa Paula fu fondato da Doña Ana de Santillan nel 1473 per le monache Jerónimas. Da cinque secoli questo monastero è dedito al culto divino e allo studio della Scrittura.

All’interno dei chiostri dell’edificio, il monastero possiede un’importante collezione d’arte. I turisti possono visitare il monastero per scoprire il suo patrimonio artistico.

Articolo correlato: Città turistiche della Spagna

Leave a Reply