Bevande Spagnole

Bevande Spagnole e cultura del bere

Gli spagnoli tendono a vivere la vita al massimo. Che siano grandi o piccoli momenti, c’è sempre un motivo per festeggiare nella terra delle feste . Naturalmente, essere uno dei migliori produttori di birra e vino significa che c’è molto liquido per alimentare queste feste in Spagna. Quindi, se sei pronto per tuffarti, questa guida ti aiuterà a navigare nel mondo delle bevande spagnole e della cultura del bere, per la tua vacanza in Spagna.

Dove bere in Spagna

È sicuro dire che l’alcol gioca un ruolo importante nella vita quotidiana degli spagnoli. In effetti, circa il 60% della gente del posto afferma di visitare un bar, un caffè o un ristorante almeno una volta alla settimana per godersi un drink con amici, familiari o colleghi. Pertanto, non dovrebbe sorprendere che quantità (moderate) di vino e birra costituiscano una parte importante della vita sociale e della dieta mediterranea locale in Spagna.

Infatti, prima del COVID-19, il Paese aveva il più alto numero di bar e ristoranti pro capite al mondo; in altre parole, un bar o ristorante ogni 175 abitanti. I bar e i ristoranti spagnoli hanno una tale importanza culturale che esiste persino una campagna per farli dichiarare Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

In Spagna, i bar sono spesso come un’estensione della casa. Questi sono i luoghi in cui la gente del posto si riunisce per guardare una partita di calcio, celebrare un’occasione speciale o semplicemente godersi un pasto e un drink. Il tuo ristorante locale è un altro ottimo posto per bere qualcosa. Qui puoi gustare una gamma di ottimi vini spagnoli da abbinare a piatti squisiti.

E se ciò non bastasse, ci sono anche tour e festival dedicati a tutto ciò che è alcolico. Questi includono il Festival del vino Albariño , il Festival della birra di Barcellona e il Festival del sidro naturale a Gijón . Naturalmente, il supermercato spagnolo locale è un ottimo posto per prendere una bottiglia di vino rosso o delle birre prima di andare anche a cena a casa di un amico.

Bevande calde in Spagna

Caffè

Oltre ad essere luoghi popolari per rilassarsi con qualcosa di un po’ più forte, i bar sono anche una tappa comune per la colazione in Spagna . In effetti, durante la tua prima settimana in Spagna, potresti ritrovarti a gustare tutti i tuoi pasti nel bar locale. Questi sono ottimi posti per prendere un caffè – e gli spagnoli notoriamente amano il loro caffè. Scoprirai che in Spagna è sempre un buon momento per un caffè, sia che ti piaccia durante una pausa di lavoro, dopo pranzo, durante la merienda (merenda pomeridiana), o anche dopo cena.

Caffè popolari includono:

  • Café con leche: caffè con latte è la traduzione letterale, ma consiste in espresso con latte cotto a vapore, solitamente in parti uguali. Può essere ordinato più scuro o più chiaro
  • Café cortado: espresso ‘tagliato’ con un po’ di latte, servito in tazze più piccole
  • Cappuccino: la misura tradizionale è 1/3 espresso, 1/3 di latte al vapore e 1/3 di latte montato
  • Café solo: caffè nero (senza zucchero, senza panna)
  • Carajillo: caffè con liquore, solitamente brandy, whisky o Baileys Irish Cream. Di solito arriva in un bicchiere
  • Trifásico: praticamente uguale a un carajillo ma anche con un po’ di latte
  • Bombón: assolo di caffè con leche condensada (latte condensato)
  • Café Belmonte: un bombón con una spruzzata di brandy
  • Manchado: un café con leche con un po’ meno caffè. Manchado significa “macchiato”, che si riferisce a come il latte appare macchiato dalla piccola quantità di caffè
  • Café con hielo: Coffee shot con ghiaccio – ma non aspettarti un frappuccino elaborato poiché il cameriere porterà invece il tuo caffè caldo con un bicchiere extra di cubetti di ghiaccio che puoi aggiungere tu stesso
  • Café desgraciado: Tradotto come “caffè miserabile”, è composto da caffè decaffeinato ( descafeinado), latte scremato e saccarina ( sacarina ) come dolcificante.

La Spagna è al 23° posto nel mondo per consumo di caffè per persona all’anno, con lo spagnolo medio che consuma 4,5 chilogrammi all’anno. Gli spagnoli sono superati in termini di consumo di caffè pro capite solo dall’italiano medio, che ne beve quasi 6 chilogrammi, e dai francesi, con 5,4 chilogrammi.

Cioccolata calda

La Spagna ha una lunga e duratura storia d’amore con il cioccolato, e in particolare con la cioccolata calda, densa, vellutata. La passione del paese per tutto ciò che riguarda il cioccolato e il cacao li ha visti berne 162 milioni di chilogrammi nel 2019; giù da un picco di 165,5 milioni di chilogrammi nel 2013.

In molte parti della Spagna, la cioccolata calda è in realtà una bevanda per la colazione che viene spesso abbinata ai churros ; una famosa pasticceria fritta che i locali amano intingere nei loro drink. Tuttavia, a Barcellona , la gente tende a berlo nel pomeriggio e ad abbinarlo ai melindros ( savoiardi ). Oltre al cacao, al latte e allo zucchero, la cioccolata calda spagnola include anche un po’ di amido di mais per addensarla.

Fatto interessante: gli spagnoli fanno una cioccolata calda così buona che una volta era vietata. Nel 1500, i Conquistadores (soldati dell’esercito spagnolo e portoghese) partirono per conquistare il Nuovo Mondo e riportarono il cacao in Spagna. La cioccolata calda, già venerata dai Maya e dagli Aztechi , diffuse rapidamente la sua bontà scura e ricca nel resto d’Europa e nel mondo. E ‘stato favorito dalla spagnola nob ility ed è diventato così popolare che le autorità hanno vietato la vendita al pubblico della bevanda nel 1644. Naturalmente, questo non ha impedito gli spagnoli da ricercare e illecitamente godendo.

Quindi, se visiti una delle tante granjas (caseifici trasformati in caffè) a Barcellona, ​​o cioccolaterie (cioccolateria) a Madrid e altrove, la tua cioccolata calda spagnola non è mai lontana.

Se ti trasferisci in Spagna da un paese amante del tè, sarai sollevato di sapere che non è difficile da trovare. Sebbene gli spagnoli non siano tradizionalmente grandi bevitori di tè, l’ immigrazione da nazioni che bevono tè come il Regno Unito e il Marocco ha portato a un cambiamento nell’atteggiamento nei confronti della bevanda.

La provincia di Granada , ad esempio, ha sperimentato una sorta di cultura del tè dovuta alle influenze arabe e nordafricane. Tuttavia, le sale da tè che si trovano qui offrono un’esperienza completamente diversa dalle influenze britanniche dell’high tea che si trovano a Madrid . Questo perché la cultura del tè in Spagna rispecchia i modelli di immigrazione. Pertanto, puoi passare dallo stare seduto su un cuscino sorseggiando un infuso di tè e sbuffando su un narghilè, a sederti su una sedia con lo schienale alto mangiando focaccine e sorseggiando tè nero.

Bevande analcoliche in Spagna

Come molte parti del mondo, le bevande analcoliche sono molto popolari in Spagna. L’Associazione nazionale dei produttori di bevande analcoliche afferma che cola, arancia e limone sono i gusti preferiti (in spagnolo) delle bevande analcoliche tra gli spagnoli.

Bevande analcoliche popolari

I marchi leader nel settore delle bevande analcoliche in Spagna includono giganti globali come Coca-Cola, Orangina, Pepsi e Red Bull. Ci sono anche alcuni marchi spagnoli come Refrescos Iberia, Refrescos del Atlántico e Ahembo da provare. Tra queste bevande analcoliche locali ci sono La Casera , una marca di soda che viene spesso utilizzata nelle miscele di vino, e Kas, che è disponibile in gusti che vanno dal limone e pompelmo all’amaro (estratti di erbe) e alla mela.

Come in altre parti del mondo, le persone in Spagna stanno passando a bevande analcoliche senza zucchero a causa dei numerosi studi che collegano l’assunzione di zucchero a un aumento del rischio di malattie, come l’obesità e l’ipertensione. Di conseguenza, la cola senza zucchero ha superato quella normale in termini di consumo domestico.

L’assunzione di zucchero è diminuita costantemente nelle famiglie spagnole negli ultimi anni; da circa 4 chilogrammi di zucchero pro capite nel 2013 a 3,1 chilogrammi pro capite nel 2019. Anche così, la Spagna ha avuto un tasso abbastanza alto di diabete negli ultimi anni. Nel 2019, ad esempio, il 6,9% delle persone di età compresa tra 20 e 79 anni nel paese era diabetico. Questo è solo leggermente superiore alla media dell’Unione europea del 6,7%. La ricerca mostra che l’acqua è ancora la bevanda analcolica più consumata in Spagna, seguita dal latte e poi dalle bibite. Infatti, in media, le bevande analcoliche contribuiscono al 2% dell’apporto energetico delle persone.

Bevande alcoliche

Simile ad altri paesi europei, l’età minima legale per l’acquisto di alcolici in Spagna è 18. Questo include birre, vini e liquori. Il paese ha anche leggi severe sulla guida in stato di ebbrezza. Il limite legale del contenuto di alcol nel sangue in Spagna è di 0,5 grammi per litro di sangue. Questo è generalmente in linea con la maggior parte degli altri paesi europei, ma più rigoroso di alcuni, come il Regno Unito che ha un limite di guida in stato di ebbrezza di 0,8 grammi per litro di sangue. In Spagna, i limiti sono ancora più bassi (0,3 grammi) per i conducenti professionisti e principianti.

La Spagna ha 17 regioni autonome e ognuna ha le proprie leggi che regolano alcuni aspetti della vendita e del consumo di alcol. Quindi, per evitare di infrangere la legge, assicurati di controllare le regole delle autorità locali ovunque tu sia in Spagna.

Bevande alcoliche popolari

Con una forte cultura del bere e uno stile di vita che si adatta semplicemente a passare la giornata su una terrazza con gli amici, è sicuro dire che hai molte opzioni quando si tratta di scegliere il tuo drink in Spagna. Un sondaggio del 2018 (in spagnolo) ha mostrato che gli spagnoli preferiscono birra, vino e bevande miste rispetto ad altre bevande alcoliche.

Birra

La Spagna è il terzo produttore di birra dell’UE , dopo Germania e Polonia. Si stima infatti che una birra alcolica su 10 prodotta nell’UE sia prodotta in Spagna.

Sebbene la Spagna sia famosa per i suoi vini di alta qualità , le statistiche mostrano che la maggior parte degli spagnoli preferisce la birra. In effetti, negli ultimi decenni c’è stato un notevole cambiamento nelle abitudini di consumo . Parte di ciò è dovuto al crescente movimento della birra artigianale nel paese. L’industria della birra nel suo insieme ha un impatto significativo sull’economia spagnola. Infatti, quasi il 90% della birra consumata in Spagna è prodotta a livello nazionale. Nessuna sorpresa, quindi, che lo spagnolo medio beva 52 litri di birra all’anno.

Le famose birre spagnole includono:

  • Mahou
  • Estrella Galizia
  • Cruzcampo
  • San Miguel

E, naturalmente, se ti trovi nelle Asturie , scoprirai che le case del sidro dominano. In questa parte settentrionale della Spagna, il sidra è la bevanda preferita in qualsiasi bar e ristorante in cui potresti entrare. E i camerieri ti delizieranno versandolo nel tuo bicchiere dall’alto.

Vino

La vinificazione è una tradizione secolare in Spagna, che ha reso il paese il terzo produttore di vino al mondo, dopo Francia e Italia. La Spagna ha anche la più grande superficie vitata del mondo, con quasi un milione di ettari distribuiti su circa 4.300 aziende vinicole. Le regioni vinicole più famose della Spagna sono Castilla la Mancha, La Rioja, Catalogna, Estremadura e Valencia.

Quando si tratta di consumo di vino , la Spagna è superata dal vicino Portogallo. Infatti, lo spagnolo medio ha bevuto 23,9 litri di vino nel 2020, rispetto al portoghese medio che ha consumato 51,9 litri.

Di seguito sono riportati alcuni dei vini spagnoli più popolari con una denominazione di origine protetta.

  • Rioja
  • cava
  • La Mancia
  • Rueda
  • Ribera del Duero

Distillati, liquori e cocktail popolari

La Spagna ha una tradizione nella produzione di brandy e liquori pregiati. Il brandy Oruja proviene dal nord della Spagna, mentre il Brandy de Jerez proviene dal sud – ovest, produttore di sherry. In effetti, un’oruja sul ghiaccio è un delizioso trattamento dopo cena.

La Spagna produce anche una gamma di liquori regionali, ognuno dei quali ha il suo carattere e la sua tradizione speciali, e viene gustato in vari momenti della giornata. Ad esempio, potresti provare un Café licor d’Alcoy ; un liquore al caffè di Alicante, o le Hierbas ibicenas di Ibiza ; un liquore alle erbe che viene comunemente consumato come digestivo.

Anche i cocktail a base di vino sono popolari tra i locali. Ad esempio, l’ acqua di Valencia ( agua de Valencia ) si ottiene mescolando lo spumante spagnolo ( cava ) con il succo d’arancia. La ricetta originale include anche gin e vodka, quindi attenzione al calcio! In alternativa, potresti semplicemente mantenerlo semplice e provare un vino rosso mescolato con cola – un calimocho.

Altre bevande spagnole

Orzata

Horchata ( Orxata in lingua valenciana) è una bevanda analcolica spagnola altamente nutriente e rinfrescante originaria di Valencia. È particolarmente popolare durante i caldi mesi estivi.

L’horchata è fatta con acqua, zucchero e noci di tigre macinate. Di solito è servito con una pasta dolce chiamata farton.

Sangria

Sebbene la sangria sia diventata un simbolo internazionale della cultura spagnola, insieme al flamenco, alla paella e alla corrida, in realtà non è così popolare tra gli spagnoli. Al contrario, questa bevanda fruttata e rinfrescante viene servita principalmente ai turisti.

Detto questo, la sangria è un’ottima scelta per le feste in casa durante i caldi mesi estivi. Lo troverai anche servito in uno dei tanti chiringuitos (bar sulla spiaggia) dove si abbina perfettamente a tapas o stuzzichini.

Troverai varie versioni di sangria in tutta la Spagna. In genere, consiste in vino (principalmente rosso, ma può anche essere bianco), frutta tritata (spesso limone, arancia, mela, pesca e altri – a te la scelta), zucchero e un goccio di vermouth o brandy. E la parte migliore è che è sia delizioso che facile da preparare !

Come con la sua cucina di fama mondiale , la cultura del bere spagnola è influenzata a livello regionale. Sidra è re nelle Asturie, mentre la gente di La Rioja e di altre regioni è orgogliosa del suo vino. Ovunque tu sia, tuttavia, non dovresti avere problemi a trovare la tua bevanda preferita in Spagna. Né dovresti avere molti problemi a trovare buon cibo e persone con cui godertelo.

Leave a Reply